DIVENTARE FOTOGRAFI PROFESSIONISTI

Campare di fotografia fa gola a molti, ma non è così semplice

Diventare fotografi professionisti è molto diverso da come ce lo si immagina. Fantastichiamo su come possa essere girare il mondo, fotografare luoghi, raccontare storie, conoscere persone, guadagnare facendo quello che ci piace.

Prima del 2006 non me lo aveva detto nessuno, ma campare di fotografia significava tanto altro. Lo intuii durante la gavetta da una fotografa di moda austriaca a Milano. Passavamo le intere giornate ad organizzare, sistemare, provare, decidere, cambiare, truccare. Scattare era solo il 20% dell’intero lavoro, senza considerare la post produzione, la consegna, il pagamento. E non finiva lì di certo.

Ai tempi, nonostante cominciassi a bazzicare le scene da assistente, non mi preoccupavo di un altro aspetto fondamentale che richiedeva un abnorme impiego di forze, tempi e pazienza: la ricerca dei clienti, la promozione e il continuo aggiornamento del portfolio. Diventare fotografi professionisti significa certamente eccellere nella fotografia, ma anche sapersi vendere.

In molti sottovalutano tutto questo, pensando sia semplice, salvo poi disintegrarsi contro la realtà. Sognare è lecito, ma il tempo è prezioso e non va sprecato, dunque sappiate che:

  • Fotografare quello che vi piace è importante per lo spirito e la mente, ma se volete camparci il più delle volte fotograferete ciò che vuole il cliente (e potrebbe non piacervi);
  • Camparci non è facile, ma è possibile. Ci si può anche arricchire, ma ci vogliono competenze serie. Business, marketing, comunicazione, idee e tanta voglia di mettersi in gioco;
  • Il mercato è completamente saturo, ma la qualità scarseggia in buona parte dei casi. Eccellere è l’unico modo per emergere;
  • Il mondo non sa della vostra esistenza, dunque è importante farsi conoscere. Gestire il proprio sito web, la comunicazione sui social network e le mail saranno il vostro pane quotidiano;
  • Non c’è spazio per i timidi. Se volete diventare fotografi professionisti sarete sempre al centro dell’attenzione;
  • Essere dei professionisti significa possedere un’attrezzatura idonea e versatile, ma non solo. La tecnologia non è tutto, la fotografia è un mestiere che richiede una grossa componente artistica e creativa. Se non riuscite a realizzare fotografie decenti con il vostro cellulare datevi all’ippica;
  • La post produzione è importante, ma non è tutto. Se passate il tempo su Photoshop, stravolgendo le vostre fotografie, perché non siete riusciti a ottenere quello che volevate rimettetevi sui libri.

You may also like