TOP 10: le migliori scuse a Google Business Photos

Mentre i clienti Giapponesi, pur di non dire no, preferiscono dirti di si, salvo poi scomparire o scusarsi imbarazzati, in Italia invece le cose sono ben diverse. E per questo potremmo anche ringraziarli considerando che si tratta di uno dei tratti più divertenti della libera professione. Le scusanti ‘partorite’ da certi personaggi sono di assoluto pregio: la cui tecnica, fantasia e prontezza non possono che essere un occasione in più per farci fare due risate.

Le testimonianze in questo post sono state raccolte tra i fotografi certificati per il servizio Google Business Photos (virtualtour a 360° in stile StreetView per alberghi, ristoranti, etc.) in Italia. 

10° – “Non ci serve, non abbiamo il computer nel negozio.”

9° – “Ma a noi non interessa, non siamo appassionati di internet…” da Alberto Pappini

8° – “Noi abbiamo un computer vecchio e Google dentro non ci entra!”

7° – “Non voglio che tutti vedano il mio showroom, altrimenti mi copiano le idee….” da Flavio Massari

6° – “Le foto le ho già fatte con le panoramiche dell’iPhone, non possiamo usare quelle?”

5° – “Ah, ma non è gratis? Google non fa mai pagare nulla… “

4° – “Perchè dovrei pagare un fotografo? Io so fare tutto: siti web, posta elettronica… tutto da solo…”

3° – “Insegno all’università e facevo i virtualtour 10 anni fa, ed il marketing adesso sta cambiando. Ho oscurato le vetrine perché altrimenti i clienti non entrano a vedere.”

2° – “Ma si può fare al camposanto da mia madre? Vorrei svegliarmi tutte le mattine, mettermi su Google e guardarla!”

1° – “A me de Ggogglee me ne frega n’cazzo non ho neanche il computerre, e n’ce capisco niente, sto bene con i mie clienti!”

E a voi è mai capitato qualcosa del genere? Raccontate!

You may also like

  • andrea schillani

    Ciao caro aggiungi la 11:
    Buongiorno sono il fotografo certificato per Google business photos…
    Cliente:
    Mi scusi come mai mi parla mezzo Italiano e mezzo Inglese? guardi no no grazie

  • angelotortorella

    Ce l’ho già! Non è quel motore di ricerca?