CALCOLARE IL PREVENTIVO

Fattori chiave per il calcolo del preventivo e la realizzazione di un servizio fotografico

Calcolare il preventivo per un servizio fotografico è quanto di più consueto possa capitare nella vita di un fotografo professionista. Ogni settimana è costellata da appuntamenti come questo e in più di una occasione è capitato di soffermarmi insieme ai clienti su come, il calcolo del preventivo per un servizio fotografico, venga realizzato e quali fattori chiave siano considerati per la determinazione della fee finale.

Dopo un decennio di attività ho deciso di mettere nero su bianco quanto illustrato anno dopo anno ai miei clienti, così da poter – non solo rendere fruibile il mio metodo ad altri, ma soprattutto – inoltrare quanto scritto a chi è interessato a richiedere un preventivo per la realizzazione di un servizio fotografico.

Iniziamo col dire che per calcolare il preventivo è indispensabile tener conto di alcuni fattori chiave, utili a determinare l’entità delle immagini da realizzare e le conseguenti difficoltà da affrontare. Ogni preventivo è unico, così come ogni cliente, e di conseguenza la prima cosa da fare sta nel comprendere le esigenze del richiedente. Solo in questo modo sarà possibile sottomettere il preventivo adeguato a quelle che sono le necessità dell’interessato, rispettando così le sue aspettative.

Ogni preventivo che elaboro è calcolato sulla base di due aspetti: fattori chiave di tipo pratico e fattori chiave di tipo concettuale.

FATTORI CHIAVE DI TIPO PRATICO

I fattori chiave di tipo pratico rispondono a tutte quelle necessità aventi come variabili il tempo, l’attrezzatura ed il lavoro manuale. Vediamole punto per punto.

Tipologia di servizio fotografico e attrezzatura

Per calcolare il preventivo è indispensabile sapere che tipo di immagini dovremo andare a realizzare. Questo aspetto è di fondamentale importanza, poiché a seconda del servizio fotografico preferiremo un tipo di attrezzatura piuttosto che un’altra. In base alla tipologia di servizio fotografico riusciremo inoltre a valutare la quantità di tempo di cui dovremo disporre per poter raggiungere un determinato risultato e quali situazioni dovremo affrontare per riuscire a soddisfare le esigenze del cliente.

 Scegliere un professionista che disponga di un’attrezzatura adeguata, che la mantenga funzionante e performante ha un costo e questo viene calcolato nel preventivo

Ogni tipologia di servizio fotografico necessita di un’attrezzatura precisa, costosa o meno in base al tipo di immagini da realizzare. Il parco di lenti da adoperare per la creazione delle immagini è molto variabile, ma poter contare su ottiche professionali è indispensabile per poter garantire uno standard di qualità.

 Un fotografo alle prime armi potrebbe sottoporvi un preventivo più conveniente, giustificato dall’assenza di un’adeguata attrezzatura. Questo per esperienza, nella maggior parte dei casi, potrebbe vanificare l’investimento!
L’esperienza mi ha insegnato che non è possibile garantire un risultato di qualità, senza disporre di un’attrezzatura idonea per la realizzazione del servizio fotografico preposto.

Tempi di realizzazione delle immagini

Il calcolo del preventivo per il servizio fotografico deve tenere conto del tempo da impiegare nella realizzazione delle immagini. Questo non è trascurabile in alcun modo, poiché inficerebbe sulla qualità stessa delle fotografie. Solo un fotografo professionista con comprovata esperienza potrà spiegarvi quanti minuti, quante ore, sono necessarie perché una buona idea possa diventare realtà.

 Diffidate da chi afferma che si può fare tutto, velocemente, senza difficoltà e con un budget bassissimo. Quel fornitore sta andando “al risparmio”, ma quando ve ne accorgerete sarà troppo tardi

Non sempre i tempi tecnici sono dettati dal professionista, poiché in più di un caso il lavoro del fotografo è legato alla luce ambiente e alla posizione del sole. Questo tipo di fattori influenzano sicuramente il preventivo, perché – ad esempio nel caso degli alberghi – per raggiungere un ottimo risultato potrebbe essere importante attendere la luce migliore (es. tramonto).

I tempi influenzano sicuramente il calcolo del preventivo per il servizio fotografico e vengono calcolati ad ore, a mezze giornate o a giornate. Solitamente più sono le ore, più il professionista potrà venirvi incontro con uno prezzo agevolato.

Tempo di realizzazione per il ritocco delle fotografie

Ogni preventivo deve comprendere una fee dedicata al ritocco delle immagini su Photoshop. Questo può essere più o meno importante, in base a ciò che il fotografo deve ritoccare, dunque in base alle ore da impiegare davanti al computer. Il ritocco può essere più o meno approfondito, più o meno “artigianale”, cioè realizzato con precisione, punto per punto, in base alle necessità del singolo fotogramma.

Non tutti i servizi fotografici richiedono una grande post produzione, e anche in questo caso poter contare su un parere professionale si rivela di grande importanza. I tempi di realizzazione per il ritocco delle immagini possono essere anche notevoli, più o meno quanto quelli del servizio fotografico stesso.

Per esperienza posso affermare che la post produzione è una fase su cui non vale la pena risparmiare, in quanto solo una adeguata finalizzazione delle immagini permette il raggiungimento di un risultato che possa essere anche oltre le attese. Il ritocco di un’immagine può richiedere 10 minuti, un’ora o più, dipende tutto dall’obbiettivo che ci si è posti realizzando lo scatto.

 Nella fotografia per interni il ritocco si rivela indispensabile. È solo grazie al ritocco su Photoshop che è possibile intervenire sulle macchie sui muri, sulle pieghe sui letti, su eventuali luci fulminate a 5 metri d’altezza impossibili da sostituire, o ancora su cieli eccessivamente grigi visibili dalle finestre

Numero di immagini da consegnare al cliente

Il preventivo deve tenere conto del numero di fotografie da inviare al cliente. Il numero di immagini da consegnare può influenzare sia il tempo in fase di scatto, sia il tempo in fase di post produzione. Anche in questo caso un buon fotografo conosce le dinamiche legate alla “costruzione” di un’immagine e quindi sa quanti scatti è possibile fare in una determinata circostanza e in base all’ammontare di un certo numero di ore.

Quindi se in una conferenza è possibile garantire fino a 150/250 immagini valide al giorno, nel caso di un albergo non possiamo di certo andare oltre le 40/50 fotografie buone al giorno. Personalmente non mi sono mai distinto per inviare un grandissimo numero di immagini ai clienti, perché preferisco lavorare su un numero più contenuto, ma con una resa qualitativa maggiore.

 Diffidate da chi vi propone un numero incredibile di fotografie ad un prezzo stracciato. Un’immagine realizzata bene e pianificata ancora meglio può farvi guadagnare molto di più

Creatività

Non tutti i servizi fotografici sono uguali tra loro e la differenza nel calcolo di un preventivo sta anche nella necessità o meno di “applicarsi”, anche oltre il proprio ruolo, creando qualcosa di bello, dunque interagendo con luci, oggetti e persone a disposizione per cercare di trarre il massimo da una determinata circostanza. Spesso per poterlo fare ci vuole tempo e questo naturalmente deve essere calcolato nel preventivo.

Nella mia vita non sempre mi è stata lasciata la possibilità di creare, spesso perché limitato dal preventivo. Eppure i servizi fotografici migliori mai realizzati sono sempre stati quelli in cui il cliente, a mio avviso lungimirante, ha ritenuto di lasciarmi libero di gestire il set fotografico insieme ai tempi di creazione. Quello del fotografo è un mestiere intriso di artisticità e per esprimerla sono necessarie tempistiche e libertà.

Quando il budget non consente di disporre con calma gli oggetti all’interno delle camere d’albergo l’impatto visivo sarà inevitabilmente inferiore. Così come quando il budget non consente di dedicare 15 minuti a pietanza perché lo Chef ha fretta di farti fotografare 20 piatti in un’ora. Tutte situazioni in cui la creatività finisce per venir meno, insieme al risultato.

Diritti di utilizzo delle immagini

Le fotografie saranno usate solo su Booking oppure saranno realizzati dei cartelloni per una campagna di comunicazione a grande tiratura? Il preventivo tiene conto anche di questo, poiché oltre alla realizzazione il fotografo concede i diritti d’utilizzo delle immagini realizzate.

FATTORI CHIAVE DI TIPO CONCETTUALE

I fattori di tipo concettuale costituiscono una buona fetta dei miei preventivi e vedono protagonisti gli elementi intangibili che ho maturato in tutta la mia carriera. Ogni fotografo, giovane o maturo che sia, deve considerare per il calcolo del preventivo per un servizio fotografico una percentuale legata all’esperienza e la professionalità che lo contraddistingue. Ed è per questo che tutti i miei preventivi non vanno al di sotto di una determinata cifra, proprio poiché nel realizzare anche il più piccolo dei servizi metto a disposizione un’attrezzatura di rilievo unita ad un’esperienza decennale.

Scegliere me significa affidarsi ad una persona che ha già dedicato dieci anni della sua vita a questo lavoro, e che per questo è già riuscita a contribuire al successo di molte attività imprenditoriali. Scegliere Giulio Riotta significa poter contare su una persona di esperienza in grado di garantire un risultato, così come testimoniato da tante persone che mi hanno già scelto, e questo non posso proprio non considerarlo nel calcolo del preventivo, perché si tratta di un valore aggiunto intangibile, ma determinante.

 Quando opti un fotografo che alle prime armi, scegliendo di pagare meno, ti prendi la responsabilità di un eventuale fallimento derivante dalla mancanza di esperienza, professionalità o adeguata attrezzatura

Esperienza del fotografo

Quando parliamo di un preventivo e del successo di un servizio fotografico, l’esperienza del fotografo riveste senza dubbio l’aspetto più importante. Solo l’esperienza, la maturità sul campo, può aiutare il fotografo a scegliere la miglior soluzione nelle varie circostanze in cui si troverà durante la realizzazione delle immagini.

Avere esperienza significa avere già avuto l’occasione di fallire, quindi di imparare. Avere maturato un’esperienza significa aver già compreso le criticità di un tipo di lavoro, dunque avere già ben a mente come comportarsi perché le problematiche non sopraggiungano e non inficino il risultato finale. E ancora, avere esperienza vuol dire sapere già com’è meglio comportarsi perché il risultato corrisponda a quello che già altre volte hai avuto l’occasione di sperimentare.

Per questo nel calcolo del preventivo per un servizio fotografico il fotografo non può non considerare il suo “saper essere” e il suo “saper fare“, e non può non considerarlo il cliente, che – anzi – dovrebbe apprezzare e scegliere, per non rischiare, un professionista con esperienza.

 In 10 anni di carriera più e più volte mi è capitato di essere richiamato perché chi è stato preferito a me, magari a causa di un preventivo più conveniente, non è riuscito a rispettare le aspettative. Spendere di più per spendere meno significa scegliere bene sin da subito!

Calcolare il preventivo per un servizio fotografico tiene conto di tutti gli elementi chiave di cui hai avuto modo di leggere. Nella speranza di averti trasmesso tutta la passione che impiego nel mio lavoro ti invito a commentare questo post o a condividerlo con chi pensi possa apprezzarlo.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento